My Notepad

Il mio taccuino personale.

Chi penserà ai nostri bambini?

without comments

helen-lovejoyChi penserà ai bambini? Chi penserà ai bambini!” Con questa catchprase di Helen Lovejoy Matt Groening sintetizza egregiamente un modo di fare allarmismo moralistico che trova ampio spazio nella melma della politica italiana.

Ma quanto è vera questa preoccupazione disinteressata verso i bambini?
Gabriella Carlucci
ha mostrato un dono di sintesi incredibile nel rispondere a questa domanda.

L’ex showgirl ora parlamentare, già nota per aver tamponato un atuobus ed essere scappata contromano, per la proposta di legge contro l’anonimato su Internet, per essere stata beccata a scrivere la suddetta proposta a quattro mani con il presidente di Univideo in chiaro conflitto di interessi, per essersi fatta una figura di merda con il Premio Nobel Sheldon Glashow sparlando del professor Maiani, per essersi lamentata pubblicamente del notoriamente basso stipendio dei parlamentari italiani, per aver tentato di rompere una telecamera ed essere riuscita a rompere due microfoni del trio Medusa, e credo per altro ancora (frase lunga, vero?), ha deciso di rinfoltire il suo curriculum di interventi intelligenti regalandoci un’altra perla rara.

Le auguro che appena suo figlio avrà accesso a Facebook venga intercettato dai pedofili e che lo incontrino sotto scuola… glielo auguro!

La frase è stata rivolta a Alessandro Gilioli durante un convegno sulla libertà della rete, sotto il video.

Written by Davide Orazio Montersino

aprile 28th, 2009 at 8:09

Posted in Attualità, Politica

Leave a Reply